La Corte di giustizia e le incompatibilità all’esercizio della professione di avvocato: l’abito non fa il monaco… e la toga non fa l’avvocato


Abstract: Con la sentenza Monachos Eirinaios del 7 maggio 2019 la Corte di giustizia coglie l’occasione per pronunciarsi sul difficile rapporto fra i requisiti per l’accesso alla professione di avvocato in esercizio del diritto di stabilimento in uno Stato diverso da quello in cui è stata acquisita la qualifica ai sensi della direttiva 98/5 e i requisiti per l’esercizio della professione, ancora di competenza degli Stati ospitanti.

Abstract: The ECJ, with judgement Monachos Eirinaios (7 th May 2019), strikes a new balance in the difficult relationship between conditions for access to the profession of lawyer under directive 98/5 in a Member State other than that in which the professional qualification was obtained and conditions for practising the profession, still decided by host member States.

Visualizza articolo

image_pdfimage_print

facebooktwittergoogle_plusmailfacebooktwittergoogle_plusmail