La partecipazione esterna al mercato interno: ripensare ai modelli di cooperazione economica in Europa con Stati che non intendono aderire al progetto europeo

L’uscita dall’Unione europea del Regno Unito ha costretto le Istituzioni europee a ripensare a strumenti e principi che informano la cooperazione economica con Stati confinanti che non intendono aderire al progetto europeo. L’adesione allo Spazio economico europeo, a cui partecipano L’Unione, i suoi Stati membri e gli Stati membri dell’EFTA (Islanda, Liechtenstein e Norvegia), ad eccezio [...]

continua a leggere »

La disciplina del mercato delle cripto-attività nella proposta di regolamento dell’Unione europea

L’Unione europea è il primo ordinamento giuridico a fornire un quadro normativo completo per le cripto-attività. La relativa proposta di regolamento (MiCA) definisce, nello spazio UE, un quadro giuridico per lo sviluppo dei mercati delle cripto-attività, stabilendo requisiti normativi per l’offerta pubblica, la commercializzazione di cripto-attività e la fornitura di servizi ad esse colleg [...]

continua a leggere »

Self-preferencing as an independent abuse: still clouds on the horizon

In Google v. Commission the General Court qualified «self-preferencing» as an independent category of abuse within the meaning of Article 102 TFEU. Given the uncertainties surrounding the concept of «self-preferencing» in EU competition law, which lies at the heart of the recent investigations opened by the European Commission against digital platforms, the judgment will certainly represent a [...]

continua a leggere »

Crisi ucraina e nuovo Quadro temporaneo in materia di aiuti di Stato

Il 23 marzo 2022 la Commissione ha adottato il “Quadro temporaneo di crisi per misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia a seguito dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina”. Si tratta di una comunicazione volta a rendere pubblici i criteri in base ai quali la Commissione statuisce sulla compatibilità degli aiuti anticrisi con il mercato interno, al fine di orientare le amm [...]

continua a leggere »

Il primato del diritto dell’Unione europea nei dissoi logoi tra la Corte di giustizia e le Alte Corti ungherese, polacca e rumena. Questioni sullo Stato di diritto

Abstract Partendo da una disamina del principio del primato del diritto dell’Unione europea, come frutto dell’interpretazione consolidata della Corte di giustizia nell’ambito di costruttivi logoi tra Corti nazionali e Corte di Lussemburgo, che hanno forgiato e messo a fuoco i rapporti tra ordinamenti, il contributo si sofferma sull’azione in atto di “neutralizzazione” e “negazio [...]

continua a leggere »

Adelante, presto, con juicio. Prime considerazioni sulla sentenza della Corte di giustizia che sancisce la legittimità del Regolamento condizionalità

Abstract Con due sentenze storiche, la Sezione Plenaria della Corte di giustizia ha sancito la piena legittimità del Regolamento condizionalità. Così facendo, i giudici di Lussemburgo hanno segnato un deciso progresso dell'ordinamento dell'Unione nella tutela dei suoi valori fondamentali (adelante), esprimendosi con una procedura accelerata che è stata capace di controbilanciare gli intenti [...]

continua a leggere »

Si può “migliorare” CILFIT? Sulla sentenza Consorzio Italian Management

Abstract Da lungo tempo la dottrina si interroga sulla possibilità, se non di rinnegare, almeno di migliorare i criteri individuati nella sentenza CILFIT perché un giudice di ultima istanza si consideri esentato dall’obbligo di sollevare un rinvio pregiudiziale. Ad esattamente 39 anni di distanza, un’occasione per “ripensare” CILFIT è stata offerta dal rinvio pregiudiziale del Consigli [...]

continua a leggere »

The interplay between religious discrimination in the workplace and fundamental rights: the cherry-pick approach of the EU Court of Justice

Lo scritto ha l'obiettivo di valutare il ruolo del diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione, riconosciuto dall'articolo 10 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE, nella giurisprudenza della Corte di Giustizia relativa alle decisioni di datori di lavoro privati volte a proibire l'utilizzo di simboli religiosi sui luoghi di lavoro. L’analisi delle sentenze adottate al [...]

continua a leggere »

I migranti come “arma” tra iniziative di contrasto e obblighi di tutela dei diritti fondamentali. Riflessioni a margine della crisi ai confini orientali dell’UE

La vicenda occorsa nell’autunno 2021 ai confini orientali della UE presenta caratteri di drammaticità, per le sofferenze a cui sono state esposte alcune migliaia di persone giunte in Bielorussia con la speranza di fare ingresso nell’Unione europea, ma solleva anche rilevanti questioni giuridiche. L’Unione europea ha qualificato questo afflusso di migranti come una strumentalizzazione perpet [...]

continua a leggere »

Integrazione “negativa” e principi “positivi” del diritto UE in materia tributaria

Se si esclude l’unione doganale, nei Trattati UE il diritto tributario riveste poca importanza ed ha una connotazione “negativa”, data dai limiti alle competenze UE in materia, la quale esprime un’integrazione tributaria sostanzialmente volta ad eliminare gli ostacoli al funzionamento del mercato interno. Tuttavia, si avverte da più parti l’esigenza di una maggiore integrazione tributar [...]

continua a leggere »