Lo Stato di diritto alla prova dell’allargamento dell’UE (o l’allargamento della UE alla prova dello Stato di diritto)

L’articolo affronta il tema dello Stato di diritto in relazione al processo di allargamento dell’Unione europea: quello già realizzatosi rivolto ai paesi dell’Europa centro orientale, con il quinto allargamento, sia quello che in prospettiva riguarderà i Balcani Occidentali e alcuni paesi del partenariato orientale, in primis Ucraina, ma anche Moldova e Georgia. A tal fine la ricerca inten [...]

continua a leggere »

Direttiva 2001/55/CE e diritto al soggiorno degli sfollati ucraini negli Stati membri ospitanti: quali prospettive alla cessazione della protezione temporanea?

Abstract La decisione (UE) 2022/382 di esecuzione della Direttiva 2001/55 sulla protezione temporanea prevede all’art. 21 un’iniziale durata della protezione di un anno, con cessazione al 4 marzo 2023. Il 14 ottobre 2022, la Commissione ne ha annunciato una proroga fino a marzo 2024. Cosa succederà ai cittadini titolari di protezione temporanea e soggiornanti nell’Unione Europa dopo tale [...]

continua a leggere »

Il complesso equilibrio tra i principi generali in materia di sanzioni doganali, tra evoluzione normativa e giurisprudenza della Corte di giustizia

Abstract L’articolo è volto a ricostruire lo stato dell’arte della normativa e degli orientamenti pretori in tema di sanzioni doganali, esaminando più specificamente la recente evoluzione della giurisprudenza della Corte di giustizia in materia. In tale ambito, il ruolo della Corte di Lussemburgo rimane infatti centrale, atteso che il vigente Codice doganale dell’Unione (CDU) continua ad [...]

continua a leggere »

L’influenza del diritto dell’Unione europea sulla sicurezza nazionale: l’art. 4, par. 2, TUE alla prova della recente giurisprudenza UE tra l’altro in materia di privacy

Attraverso l'analisi della recente giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione europea tra l'altro in materia di protezione dei dati personali (SpaceNet, VD e SR, G.D., La Quadrature du Net, Privacy International, Schrems II,  B. v. Latvia and B.K. v. Slovakia), il presente articolo è volto ad indagare l'ambito di applicazione dell'articolo 4, par. 2, TUE, il quale, in modo atipico per [...]

continua a leggere »

The ESM Pandemic Crisis Support Facility: Fallen into Oblivion?

To counterbalance the economic and social effects of the Covid-19 pandemic crisis, the European Union has predisposed a far reaching plan for support and recovery. One of the distinguishing features of this plan is the Pandemic Crisis Support facility. Under this facility, the European Stability Mechanism is enabled to provide resources without macroeconomic conditionality in favour of direct and [...]

continua a leggere »

First and Last Word: Can Constitutional Courts and the Court of Justice of the EU Speak Common Words?

Abstract No precise connection can be established between the CJEU’s case law on the rule of law and the independence of the judiciary and the one based on judicial cooperation with constitutional courts in countries not experiencing immediate threats to democracy. However, the paper suggests that constitutional courts should offer virtuous examples in interpreting primacy of EU law. Recent rul [...]

continua a leggere »

Quando una pronuncia in materia di protezione dei dati personali diventa l’occasione per ribadire il principio d’indipendenza della magistratura

La sentenza del 24 marzo 2022 della Corte di giustizia dell’Unione delimita un confine ben preciso alle competenze e ai poteri di controllo delle autorità garanti nazionali per la privacy. La pronuncia infatti sottrae alle autorità indipendenti ogni controllo circa l’attività svolta dalle autorità giurisdizionali interpretando estensivamente il disposto dell’art. 55 del Regolamento 679/2 [...]

continua a leggere »

Tutela del consumatore e giudicato implicito: una coesistenza (davvero) impossibile? Note a prima lettura di Corte di giustizia 17 maggio 2022, SPV Project

L’articolo analizza una recente sentenza, resa dalla Grande Sezione della Corte di giustizia lo scorso 17 maggio (sentenza SPV Project 1503), in merito all’interpretazione degli artt. 6, par. 1 e 7, par. 1, della direttiva 93/13/CEE e 47 CdfUE. Nello specifico, con due ordinanze di rinvio pregiudiziale del 2019, il Tribunale di Milano ha chiesto alla Corte di giustizia di valutare la compatibi [...]

continua a leggere »

E lo Stato di diritto incontrò la concorrenza: riflessioni sulla sentenza Sped-Pro

Il presente articolo analizza il potenziale impatto delle violazioni dello Stato di diritto sul diritto della concorrenza, alla luce della sentenza Sped-Pro c. Commissione del Tribunale dell'UE (T-791/19). In tale pronuncia, il Tribunale esamina per la prima volta come carenze sistemiche dello Stato di diritto in uno Stato membro incidano sulla determinazione dell’autorità garante della concorr [...]

continua a leggere »

Il conflitto in Ucraina e la “propaganda di guerra” della Federazione russa: quali reazioni da parte dell’Unione europea?

Prendendo spunto dal conflitto armato internazionale tra Federazione russa e Ucraina, e dai più rilevanti profili di diritto internazionale che esso pone all’interprete, lo scritto si propone di analizzare la portata di alcune misure restrittive adottate dall’Unione europea in risposta all’aggressione russa e, segnatamente, quelle relative al divieto di esercitare talune attività da parte [...]

continua a leggere »