Eurojus.it

La direttiva 2017/541/UE e il difficile bilanciamento tra esigenze di pubblica sicurezza e rispetto dei diritti umani

1. Premessa. I diffusi attacchi perpetrati dal terrorismo di matrice jihadista in ogni parte del mondo, diventati più frequenti negli ultimi anni a causa dell’ascesa del Daesh (l’organizzazione terroristica autoproclamatasi Stato Islamico), hanno indotto l’Unione europea a modificare la propria normativa, non più adeguata a fronteggiare l’evoluzione delle modalità operative che il terr [...]

continua a leggere »

“Foreign Fighters” e l’attuazione nell’UE della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 2178 (2015). Un altro caso di “legiferare in fretta, pentirsi con comodo…”?

1. Premessa A fronte delle crescenti ostilità in Siria e in Iraq, nonché delle attività terroristiche diffuse oramai in tutto il mondo, gli Stati membri dell'UE si sono visti costretti ad affrontare il fenomeno dei c.d. “foreign fighters”. Il termine è usato per indicare i cittadini europei che lasciano l’Europa per militare in gruppi jihadisti e che, ulteriormente radicalizzati e acqui [...]

continua a leggere »