Massimo Condinanzi


Professore ordinario di diritto dell’Unione europea nella Facoltà di giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano (titolare dei corsi di Diritto dell’Unione europea e di Diritto del processo e del conten- zioso comunitario), nato a Biella il 20 agosto 1964.

Attività scientifica e didattica

Dicembre 2010: Commissione discussione tesi dottorato in Diritto dell’Unione europea – Univer- sité Panthéon-Assas

Da settembre 2009: Titolare della cattedra Jean Monnet ad personam, dedicata a “Espace de liberté, securité et justice: protection juridictionnelle et libre circulation des personnes”.

Gennaio 2007– Dicembre 2008: Coordinatore nazionale del Progetto di Ricerca d’Interesse Nazionale (PRIN 2006) dedicata a “Adattamento del diritto comunitario e dell’Unione europea. Nuovi aspetti problematici e verifica delle soluzioni acquisite”.

dal 2006: Consulente del Ministero dell’Ambiente nella redazione di una ricerca dedicata ai Rapporti tra la politica comunitaria degli aiuti di stato e la politica di tutela ambientale.

Maggio 2006: Professeur invité all’Université  Montesquieu IV – Bordeaux, corso dedicato ai rapporti tra ordinamento comunitario e ordinamento italiano.

Gennaio 2006: Professeur invité all’Université Paris II, Panthéon-Assas, corso dedicato al Con- tentieux européen en matière de libre circulation des personnes.

da Novembre 2005: Professore Ordinario di Diritto dell’Unione europea (Jus 14). Titolare della Cat- tedra di Diritto delle Comunità e dell’Unione europea, Facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi di Milano.

Marzo 2005: Professeur invité, all’Université Paris II, Panthéon-Assas, corso dedicato al Con- tentieux communautaire.

da Novembre 2004: Professore Straordinario di Diritto Internazionale (Jus 13). Titolare della Catte- dra di Diritto delle Comunità e dell’Unione europea, Facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi di Milano.

da luglio 2004: Titolare della Cattedra Jean Monnet, dedicata all’insegnamento del Diritto del processo e del contenzioso comunitario, finanziata dalla Commissione europea, presso l’Università degli Studi di Milano, Facoltà di Giurisprudenza.

a.a. 2003 e 2004: Responsabile scientifico, con il Prof. Bruno Nascimbene, e docente al Corso di Perfezionamento in Diritto delle Comunità europee dell’Università degli Studi di Milano.

2003 – 2005: Consulente del Ministero del Tesoro e della società StudiareSviluppo srl nella redazione di una ricerca sugli Approfondimenti giuridici sui trattati di adesione relativamente ai profili connessi ai Fondi Strutturali.

Maggio – giugno 2003: Ciclo di lezioni sulla “Libera circolazione dei lavoratori in Europa” presso l’Ac- cademia Diplomatica di Romania (Bucarest), in collaborazione con l’Istituto Di- plomatico “Mario Toscano” del Ministero degli Affari Esteri.

Dall’a.a. 2003: Docente di Diritto dell’unione europea alla Scuola di Specializzazione per le pro- fessioni forensi dell’Università degli Studi di Milano.

a.a. 2002 – 2003: Docente di Diritto dell’Unione europea alla Scuola di Specializzazione per le professioni legali dell’Università di Genova.

dal 2002: Docente titolare di un Modulo di insegnamento annuale dedicato al Processo comunitario nel Master per Giuristi Internazionali dell’Università degli Studi di Bologna.

2002: Esperto del Ministero degli affari esteri nell’ambito del Progetto Twinning Czech Republic – Italy. Improvement of Legal and Institutional Environment for Busi- ness. Redazione della versione consolidata del Business Act.

a.a. 2001 – 2004: Professore straordinario di Diritto Internazionale (Jus 13). Titolare della Cattedra di Diritto dell’Unione europea nell’Università degli Studi di Genova, Facoltà di Giurisprudenza.

2000 – 2001: Responsabile scientifico del Corso di Diritto delle Comunità europee organizzato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Biella, nell’ambito del Programma Schuman della Commissione europea.

dal 1998: Componente del Comitato di redazione della Rivista Il Diritto dell’Unione euro- pea, Giuffrè.

a.a. 1998 – 2000: Professore a contratto di Istituzione di diritto internazionale pubblico e comuni- tario presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Cattolica del Sacro Cuo- re di Milano, Corso di Laurea di Piacenza.

a.a. 1998 – 2001: Professore Associato di Diritto internazionale. Titolare della Cattedra di Diritto Internazionale presso l’Università degli Studi di Bologna.

1997 – 1998: Referendario dell’avvocato generale Giuseppe Tesauro e dell’avvocato generale Antonio Saggio alla Corte di giustizia delle Comunità europee.

1996-1998: Ricercatore di Diritto internazionale presso l’Università degli Studi di Milano, Facoltà di Giurisprudenza.

dal 1996: Componente della Redazione italiana della rivista Contratto e impresa/ Europa, Cedam.

1995 – 1997: Consulente della Rappresentanza a Milano della Commissione europea per il set- tore “Europa dei Cittadini“.

1995: Visiting Professor presso l’Università Ioan Cuzi di Iasi (Romania), nell’ambito di programma Tempus della Commissione europea.

1994: Partecipazione ad un gruppo di lavoro diretto dal Prof. Bruno Nascimbene per l’elaborazione di una refonte du droit de séjour, su incarico della Commissione europea, DG XV – Mercato interno e servizi finanziari.

dal 1993: Avvocato, iscritto all’Albo degli Avvocati presso il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Biella, con attività anche avanti al giudice comunitario.

1993: Conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca.

1992: Soggiorno di studio presso la Corte di giustizia delle Comunità europee finanzia- to da borsa di studio del Governo lussemburghese.

1990/1996: Collaborazione all’attività didattico-scientifica dell’Istituto di Diritto internazio- nale dell’Università degli Studi di Milano, sotto la direzione del Prof. Bruno Na- scimbene.

1990: Ammissione al Dottorato di ricerca in Diritto delle Comunità europee dell’Uni- versità degli Studi di Bologna. Coordinatore prof. Paolo Mengozzi.

1988: Laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Genova. 110/1100, lode e menzione speciale per la stampa. Relatore Prof. Bruno Nascimbene.

Progetti di ricerca

- JEAN MONNET 2009 – Cattedra ad personam dedicata “Espace de liberté, securité et justice: pro- tection juridictionnelle et libre circulation des personnes“.

- JEAN MONNET 2006 – Ligne budgetaire 15.02.01.06. – EX-A-3022: “La protection juridictionnelle des particuliers dans l’espace de liberté, sécurité et justice. Evolution du droit au juge à partir des Traités C(E)E à la Constitution pour l’Europe”.

- JEAN MONNET 2004 – Cattedra dedicata a “Droit communautaire et de l’Union européenne”.

- PRIN 2006, Responsabile nazionale. “Adattamento del diritto comunitario e dell’Unione europea. Nuovi aspetti problematici e verifica delle soluzioni acquisite”.

- PUR 2008 Diritto comunitario e libera circolazione della “coppia”.

- FIRST 2007 Ricorso per annullamento: proposte per un sistema più effettivo di tutela giurisdizio- nale.

- FIRST 2006 La discussa attualità della giurisprudenza Granital e la nuova dimensione del ruolo delle Regioni nell’adattamento al diritto comunitario derivato.

Elenco delle pubblicazioni

Monografie

1) Il Tribunale di primo grado e la giurisdizione comunitaria. Milano, Giuffré, 1996, pp. 339.

2) L’adattamento al  diritto comunitario e  dell’Unione europea, Corredato da appendice normativa, Torino, 2003, p. IX-88.

3) (con A. Lang, B. Nascimbene), Cittadinanza dell’Unione e libera circolazione delle persone, Milano, 2003, pp. XIII-287. Milano, Seconda edizione, 2005, pp. XIII-321.

4) (con A. Lang, B. Nascimbene), Citizenship of the Unione and Free Movement of Persons, Brill, 2008, edizione aggiornata in lingua inglese del volume Cittadinanza dell’Unione e libera circolazione delle persone.

5) (con R. Mastroianni), Il contenzioso dell’Unione europea, Torino, 2009.

Articoli su riviste o su libri collettanei

1.   Considerazioni sulla “democrazia” nel sistema comunitario, in V. Grementieri, A. Papisca (a cura di) Europa 1992: le sfide per la ricerca e l’Università, Milano, 1989, p. 117 ss.

2.   Il ruolo del Parlamento europeo nel contenzioso comunitario. Una nuova pronuncia della Corte di giustizia, in Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, 1991, p. 127 ss.

3.   Concentrazioni tra imprese e competenza del Tribunale di primo grado, in Diritto del Commercio internazionale, 1991, p. 469 ss.

4.   Parlamento europeo e Tribunale di primo grado. Novità processuali e istituzionali, in Il Foro italiano, IV, 1992, p. 135 ss.

5.   La decisione di ampliamento delle competenze del tribunale di primo grado delle Comunità europee, in Diritto del Commercio internazionale, 1993, p. 987 ss.

6.   La legittimazione ad impugnare le decisioni del Tribunale di primo grado: il caso del Parlamento europeo, in Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, 1993, p. 1299 ss.

7.   Le règlement de procédure du Tribunal de première instance, in V. Christianos (sous la direction de) Evolution récente du droit judiciaire communautaire, vol. I, Maastricht, 1994, p. 39 ss.

8.   Le nuove competenze del Tribunale di primo grado delle Comunità europee, in Il Foro italiano, 1994, IV, 1 ss.

9.   Ampliate le competenze del Tribunale di primo grado delle Comunità europee. Il commento, in Corr. giur., 1994, p. 798 ss.

10. L’avvocato comunitario … tra Corte di giustizia e Corte costituzionale, in Corr. giur., 1996, p. 1220 ss.

11. Il recente ampliamento dell’Unione e la composizione della Corte di giustizia;
- Qualche novità in tema di disciplina comunitaria della professione forense
- Il mediatore europeo: primi risultati e qualche considerazione;
- La (fantomatica) competenza della Corte di giustizia delle Comunità europee nelle convenzioni concluse dagli Stati membri ai sensi dell’art. K.3, lett. c del Trattato sull’Unione;
- Mucche pazze … al Kirchberg;
- “Istruzioni per l’uso” dell’art. 177: la nota informativa della Corte di giustizia sulla proposizione delle domande di pronunzia pregiudiziale da parte dei giudici nazionali;
- La definizione di nuovi diritti a favore del cittadino dell’Unione: il ricorso al Mediatore europeo, tutti in Il diritto dell’Unione europea, 1996, rispettivamente a p. 305 ss., p. 309 ss., p. 320 ss., p. 543 ss, p. 883 ss.

12. Lavoro (Libera circolazione delle persone: profili generali), in Chiti-Greco (a cura di), Trattato di diritto amministrativo europeo, Milano 1998, p. 807 ss.

13. La cittadinanza europea e la libera circolazione delle persone, in Chiti-Greco (a cura di), Trattato di diritto amministrativo europeo, Milano, 2° edizione, 2006.

14. L’università italiana e i lettori di lingua straniera: discriminazioni da eliminare o assimilazioni da riconoscere?, in B. Nascimbene (a cura di), La libera circolazione dei lavoratori. Trent’anni di applicazione delle norme comunitarie, Milano, 1998, p. 101 ss.

15. Agenti di commercio italiani e direttive comunitarie, in Contratto e Impresa/Europa, 1998, p. 871 ss.

16. Il cittadino e la lingua del processo (comunitario e nazionale) in un caso recente di fronte alla Corte, in Il diritto dell’Unione europea, 1998, p. 203 ss.

17. La libera prestazione dei servizi e delle professioni in generale, in A. Tizzano (a cura di) Il diritto privato dell’Unione europea, Torino, 2000, pp. 283-314 (2° edizione, 2006, pp. 330-374).

18. Libertà di stabilimento, in G. Strozzi (a cura di), Diritto dell’Unione europea – Parte speciale, Giappichelli, Torino, 2000, pp. 151-187, 2° edizione, 2005, pp. 171 – 220; 3° edizione, 2006, edizione 2010, pp. 159-216.

19. Commento agli articoli 17 – 22; 94 – 95; 189 – 201; 229 – 231; 241 – 243, in F. Pocar, (a cura di), Commentario breve ai Trattati della Comunità e dell’Unione europea, Padova, 2001.

20. Il diritto del lavoro tra diritto comunitario e strumenti del Consiglio d’Europa, in Inform. previd., 6/2001, pp. 1179-1185.

21. L’adattamento al diritto comunitario e dell’Unione europea, in S. Carbone, R. Luzzatto, A. Santa Maria (a cura di), Istituzioni di Diritto internazionale, Torino, 2002, pp. 147-175.

22. Comunità europee, Unione europea e adattamento, in S. Carbone, R. Luzzatto, A. Santa Maria (a cura di), Istituzioni di Diritto internazionale, Torino, 2° edizione, 2003, pp. 150-186; 3° edizione, 2006, pp. 159-202; 4° edizione, 2011, pp. 173-233.

23. L’uso della forza e il sistema di sicurezza collettiva, in S. Carbone, R. Luzzatto, A. Santa Maria (a cura di), Istituzioni di Diritto internazionale, Torino, 2002, pp. 423-462.

24. L’uso della forza e il sistema di sicurezza collettiva delle Nazioni Unite, in in S. Carbone, R. Luzzatto, A. Santa Maria (a cura di), Istituzioni di Diritto internazionale, Torino, 2° edizione, 2003, pp. 287-334; 3° edizione, 2006, pp. 311-366; 4° edizione, 2011, pp. 359-422.

25. Le innovazioni organizzative al sistema giudiziario comunitario, in B. Nascimbene (a cura di), Il processo comunitario dopo Nizza, Milano, 2003, pp. 53-81.

26. Commento agli artt. 34 TUE, 19-22 CE; 224-225 CE, 235, 237-238 CE, in A. Tizzano (a cura di), Trattati dell’Unione europea e della Comunità europea, Milano, 2004.

27. Il “livello comunitario” di tutela dei diritti fondamentali dell’individuo, in P. Bilancia, E. De Marco (a cura di), La tutela multilivello dei diritti, Milano, 2004, pp. 35-55.

28. Il ricorso diretto ai giudici europei: quadro giurisprudenziale e Costituzione europea, in Quad. cost., 3/2004, pp. 628-631.

29. Il singolo e la “comunità di diritto” nel nuovo trattato che adotta una Costituzione per l’Europa, in Corr. giur., 2004, p. 1545 ss.

30. La nozione di “Giudice avverso le cui decisioni non può proporsi ricorso di diritto interno” nel Titolo IV del Trattato CE. Osservazioni in margine al caso Dem’Yanenko, in U. Leanza (a cura di), Le migrazioni. Una sfida per il diritto internazionale comunitario e interno, Napoli, 2005, pp. 435-450.

31. Europa senza Costituzione, in Corr. giur., 2005, p. 1041 ss.

32. Article  I-49 Le Mediateur européen. Commentarie in L. Burgorgue-Larsen, A. Levade, F. Picod (sous la direction de), Traité établissant une Constitution pour l’Europe. Parties I et IV, t. 1, Bruxelles, Bruylant, 2007, p. 640 – 652.

33. Cittadinanza dell’Unione e libera circolazione delle persone (con Bruno Nascimbene), in M. Chiti, G. Greco, Trattato di diritto amministrativo europeo, t. 1, 2° ed., Milano, 2007, p. 87 – 146.

34. Saisine du Médiateur européen, in Juris Classeur, Paris, 2007.

35. Fonti del “terzo pilastro” dell’Unione europea e ruolo della Corte costituzionale, in Il dritto dell’Unione europea, 2007, pp. 513-539.

36. La libera circolazione della coppia nel diritto comunitario (con Chiara Amalfitano), in Il diritto dell’Unione europea, 2008, pp. 399-432.

37. Profili critici dell’impatto del diritto comunitario sul regime delle professioni in Italia, in A. Tizzano (a cura di), Il processo d’integrazione europea: un bilancio 50 anni dopo i Trattati di Roma, Torino, 2008, pp. 153-166.

38. Corte di giustizia e trattato di Lisbona: innovazioni strutturali ed organizzative, in P. Bilancia, M. D’Amico (a cura di), La nuova Europa dopo il Trattato di Lisbona, Milano, 2009, pp. 207-222.

39. I giudici italiani «avverso le cui decisioni non possa porsi un ricorso giurisdizionale di diritto interno» e il rinvio pregiudiziale, in Il diritto dell’Unione europea, 2010, pp. 295-334.

40. La  responsabilità  dello  Stato  membro  per  violazione  del  diritto  dell’Unione  europea:  prime applicazioni dei recenti orientamenti della Corte di Cassazione, in Giur. Merito, 2010, pp. 3057-3070.

41. Il  Tribunale.  Funzioni  e  Competenze.  Impugnazione,  in  Guida  al  Diritto  –  Dossier:  Corti internazionali. Come fare ricorso, n. 1, gennaio – febbraio 2012.

Altri lavori

1. Codice del processo comunitario, Torino,1999. Seconda edizione, 2004.

2. Codice del contenzioso dell’Unione europea, Torino, 2010.

3. (con B. Nascimbene), Giurisprudenza di diritto comunitario. Casi scelti, Milano, 2007.

4. Recensione a  P.  Biavati, Europa e  processo civile. Metodi e  prospettive, Torino, 2003, in Annuaire de Droit européen, 2003, I, p. 920;
- Recensione a P. Mengozzi, Istituzioni di diritto comunitario e dell’Unione europea, Padova, 2003, in Annuaire de Droit européen, 2003, I, p. 912.
- Recensione a L.S. Rossi, Il progetto di Trattato-Costituzione. Verso una nuova architettura dell’Unione europea, Milano, 2004, in Annuaire de Droit européen, 2004, II, p. 1216;
- Recensione a A. Granelli, Unione europea e diritto internazionale consuetudinario, Torino, 2004, in Annuaire de Droit européen, 2004, II, p. 1138.
- Recensione a O. Pollicino, Discriminazione sulla base del sesso e trattamento preferenziale nel diritto comunitario. Un profilo giurisprudenziale alla ricerca del nucleo duro del new legal order., Milano, 2005, in Annuaire de Droit européen, 2005, III, p. 963
- Recensione a E. Decaux, C. Pettiti, La tierce intervention devant la Cour européenne des droits de l’homme et en droit comparé, Bruylant, 2008, in Annuaire de Droit européen, 2011.

Articoli pubblicati su eurojus:

  • Da comunitario a unionale. La difficile ricerca di un aggettivo adatto

    L’articolo di Natalia Latronico, A proposito del “disco verde” dato dall’Accademia della Crusca all’aggettivo unionale, che contesta l’opportunità della scelta dell’Accademia della Crusca, di “sdoganare” l’aggettivo “unionale” come sintagma riferito all’Unione europea, è, pur toccando un tema assai marginale, stimolante.  L’art. A del Trattato sull’Unione europea, sottoscritto a Maastricht il 7 febbraio 1992, con la […]


  • Il futuro dell’Unione europea. Acquis o ma(c)quis communautaire?

    La volontà di realizzare «un’unione sempre più stretta tra i popoli dell’Europa» (preambolo TUE e art. 1, secondo co., TUE; preambolo TFUE) continua a rappresentare il principale caposaldo su cui si regge il processo di integrazione europea, anche se – a seguito delle modifiche apportate dal trattato di Lisbona – l’ordinamento «di nuovo genere» istituito […]