L’editoriale del mese

Is the Primacy of Union Law still fit for Purpose?

The principle of primacy of Union law is in crisis. Several constitutional courts have openly questioned its application in national legal orders, whilst a growing tide of criticism and nationalist rhetoric growingly points at the primacy of Union law as the source of ills and wrongs. Is it time to reconsider the status of the principle? In this contribution, it is submitted that the principle of [...]

continua a leggere »

L’editoriale di Giugno 2024

La iurisdictio in ambito PESC: la dubbia ratio decidendi della Corte di giustizia

The ECJ has been enlarging the scope of its potestas iudicandi in CFSP matters, well beyond the limits laid down in Articles 24(1) second subpara. TEU and 275 first subpara. TFEU. The ECJ’s systematic argument – i.e., such provisions are exceptions to the general rule laid down in Article 19 TEU and therefore should be narrowly interpreted – raises doubts. In fact, under the Lisbon reform, C [...]

continua a leggere »

L’editoriale di Maggio 2024

CELEBRATING 20 YEARS TOGETHER
’20 Years Since The Accession Of 10 States To The European Union: A New Constitutional Moment For Europe’, Court Of Justice Of The European Union, Luxembourg, 3 May 2024

On 3 May 2024 the Court of Justice organised a conference to celebrate the 20th anniversary of the 2004 accession. President Lenaerts delivered the opening speech in which he stressed the fact that the 2004 accession put to rest the idea of a divided Europe. His speech focused on the values on which the EU is founded. In his view, those values serve to define the identity of the EU as a common leg [...]

continua a leggere »

L’editoriale di Aprile 2024

Il metodo degli Spitzenkandidaten e la Costituzione materiale europea

Abstract The method of the lead candidates (Spitzenkandidaten) is commonly conceived of as an expedient to enhance the political power of the European Parliament vis-à-vis the European Council. On closer inspection, however, this method has deep Constitutional underpinnings and can contribute to determine the material Constitution of the European Union. After the next round of the European ele [...]

continua a leggere »

L’editoriale di Marzo 2024

Il nuovo “cammino comunitario” della Corte costituzionale

Abstract Dopo la conclusione della vicenda Taricco la necessità, affermata dalla Corte costituzionale nella sentenza del 14 dicembre 2017 n. 269, di una pronuncia di incostituzionalità delle leggi italiane in conflitto con disposizioni della Carta dei diritti fondamentali direttamente applicabili (oltre che con norme costituzionali) ha riaperto qualche problema in merito al primato del diritto [...]

continua a leggere »

Nicola Catalano, Manuel de droit des Communautés européennes, 2e éd. revue et mise à jour, Parigi, Dalloz/Sirey, 1965. Riedizione con testo rivisto da Fabio Pappalardo, prefazione di Antonio Tizzano e nota biografica di Amedeo Arena e Alessandro Rosanò, Bruylant, Bruxelles, 2023, pp. L-464.

Quel eut été le droit des Communautés sans les arrêts de 1963 et 1964? si chiedeva, in un celebre saggio del 1991, l’ex presidente della Corte di giustizia Robert Lecourt. È infatti opinione largamente condivisa che le sentenze Van Gend en Loos e Costa c. ENEL abbiano costituito un punto di svolta nel processo d’integrazione europea, al punto che, al giorno d’oggi, risulta quasi impossi [...]

continua a leggere »

G. Lattanzi, M. Maugeri, G. Grasso, L. Calcagno, A. Ciriello (a cura di), Il diritto europeo e il giudice nazionale, Giuffré, Milano, 2023, Voll. I, II.I, II.II

Piero Calamandrei, nel suo celebre Elogio dei giudici scritto da un avvocato, menzionava l’insensibilità come un’umana debolezza che può anche perdonarsi all’uomo comune e persino al funzionario pubblico qualunque, ma che appare invece «inconcepil[e] in un magistrato». Ebbene, allo studioso di diritto europeo (in senso lato) parrebbe inconcepibile che un giudice oggi si dimostrasse insen [...]

continua a leggere »

“Se domani tocca a me, voglio essere l’ultima” La violenza domestica nei confronti delle donne può fondare il riconoscimento dello status di rifugiato. La Corte di giustizia si pronuncia nel caso WS

1. Con una decisione di indubbia importanza nella materia del diritto di asilo, il 16 gennaio la Grande sezione della Corte di giustizia si è pronunciata nella causa WScontro Intervyuirasht organ na Darzhavna agentsia za bezhantsite pri Ministerskia savet, precisando le condizioni per beneficiare della protezione internazionale, ai sensi della direttiva 2011/95/UE, nel caso di donne vittime di vi [...]

continua a leggere »

EU and NATO: The Legal Foundation of an Extraordinary Partnership

L'Unione europea e la NATO sono partner storici. Dalla fine del secolo scorso, le due organizzazioni collaborano nel campo della difesa per garantire la pace e la sicurezza nel continente europeo. Valori e sfide comuni hanno reso il loro partenariato uno dei più riusciti al mondo. Tuttavia, le relazioni tra UE e NATO sono state tradizionalmente poco chiare dal punto di vista giuridico e non sempr [...]

continua a leggere »

Corte di giustizia dell’Unione europea e sindacato giurisdizionale: cosa rimane fuori e perché. Il caso degli atti PESC

Il presente contributo esamina il complesso quadro giuridico che regola la giurisdizione della CGUE sugli atti adottati nell’ambito della Politica Estera e di Sicurezza Comune (PESC). Nonostante la limitata competenza riconosciuta dai Trattati, si registra una tendenza ad ampliare tali limiti, con la finalità di garantire ai cittadini validi strumenti per la tutela dei propri diritti soggettivi [...]

continua a leggere »