Eurojus.it

Verso il raddoppio dei giudici del Tribunale dell’Unione: in vigore il regolamento n. 2015/2422 che modifica il protocollo n. 3 sullo Statuto della Corte di giustizia dell’Unione europea

Il 25 dicembre 2015 è entrato in vigore il regolamento (UE, Euratom) n. 2015/2422 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2015, recante modifica del protocollo n. 3 sullo Statuto della Corte di giustizia dell’Unione europea (“CGUE”), già oggetto di revisione, da ultimo, nel 2012, con la riforma attuata con il regolamento n. 741/2012. Il regolamento n. 2015/2422 fa seguito [...]

continua a leggere »

In vigore dal 1° luglio 2015 le nuove norme pratiche di esecuzione del regolamento di procedura del Tribunale dell’Unione europea (insieme con il regolamento stesso)

1. Inquadramento normativo Sulla base giuridica dell’art. 224 del RP Tribunale (in prosieguo RP Trib) del 2015 (su cui v. qui), il Tribunale, riunito in seduta plenaria (art. 42 RP Trib.), ha adottato il 20 maggio 2015 le nuove norme pratiche di esecuzione del RP Trib. (GUUE L 152), le quali hanno abrogato e sostituito (i) le precedenti istruzioni al cancelliere del 5 luglio 2007 (GUUE L 232) [...]

continua a leggere »

Pubblicato in GUUE il nuovo regolamento di procedura del Tribunale dell’Unione (in vigore dal prossimo 1° luglio 2015)

A poco più di un anno di distanza dalla presentazione del progetto da parte del presidente del Tribunale al Consiglio dell’Unione (14 marzo 2014) – e senza dubbio anche grazie allo sforzo profuso dalla presidenza italiana del Consiglio nel secondo semestre 2014 che ha consentito che la sua definitiva approvazione avvenisse a febbraio di quest’anno – il 23 aprile 2015 è stato pubblicato s [...]

continua a leggere »

Il Regno Unito apre una selezione pubblica per la designazione del giudice del Tribunale dell’Unione europea: una buona prassi anche per l’Italia?

La Corte di giustizia dell’Unione europea costituisce, nelle sue varie articolazioni, un “pilastro” dell’ordinamento UE. La selezione dei suoi membri è dunque un’attività estremamente delicata che tutti gli Stati membri dovrebbero svolgere con la massima scrupolosità, anche in vista della possibile riforma del Tribunale. Così sembra proprio aver fatto il Governo britannico che ha re [...]

continua a leggere »