Damnatio memoriae e diritto all’oblio: i primi risvolti della sentenza Google Spain nei provvedimenti del Garante italiano per la protezione dei dati personali

La sentenza resa dalla Corte di giustizia il 13 maggio 2014 nel caso Google Spain (C-131/12) ha contribuito a definire i contorni di un nuovo diritto alla privacy digitale. A seguito di tale pronuncia, infatti, un soggetto che si ritenga leso da informazioni riguardanti la sua persona e riportate all’interno di pagine web, reperibili usando il suo nominativo come parola chiave, ha diritto di ot [...]

continua a leggere »

Data retention directive: la recente censura della Corte di giustizia

Con la sentenza dell’8 aprile scorso, la Corte di Giustizia, in Grande Chambre, ha dichiarato l’invalidità ex tunc della direttiva 2006/24 (c.d. data retention directive) in rapporto alle esigenze di protezione del diritto al rispetto della vita privata e del diritto alla protezione dei dati personali, di cui agli articoli 7 ed 8 della Carta dei diritti fondamentali. Tale pronuncia è stat [...]

continua a leggere »