Eurojus.it

Mandato di arresto europeo e Brexit. Una prima certezza dalla Corte di giustizia

Pubblichiamo nel seguito un contributo della d.ssa Daiana Gilardin in tema di Brexit e mandato di arresto europeo : D. Giraldin - MAE e Brexit 15.11.2018 [...]

continua a leggere »

Crisi dello Stato di diritto nell’Unione europea e occasioni perdute. La sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea sulle carenze del sistema giudiziario

I. Introduzione: le crisi dello Stato di diritto nell'Unione europea Nel settembre 2013, l'allora Commissario europeo per la giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza della Commissione Barroso, Viviane Reding, fu la prima a parlare apertamente della sussistenza di vere e proprie crisi dello Stato di diritto nell'Unione europea (UE), con le quali l'UE si sarebbe dovuta confrontare in p [...]

continua a leggere »

Brexit, MAE e il cielo d’Irlanda: le conclusioni dell’avvocato generale Szpunar nella causa R O

I. Introduzione: Brexit e mandato d'arresto europeo Nel White Paper sul futuro delle relazioni tra Regno Unito e Unione europea (UE), il governo britannico ha sottolineato come, nel corso del tempo, l'UE abbia sviluppato una serie di strumenti attraverso i quali far fronte alle sfide poste dalla criminalità transnazionale, soprattutto di matrice terroristica. Tali strumenti favoriscono interve [...]

continua a leggere »

Un nuovo rinvio pregiudiziale sul mandato d’arresto europeo: quale rapporto tra esecuzione e rispetto dei valori fondamentali dell’Unione?

1. Lo stesso giorno (il 12 marzo 2018) in cui la Supreme Court of Ireland ha chiesto alla Corte di giustizia di pronunciarsi sul delicato binomio Brexit - mandato d’arresto europeo (nel prosieguo: MAE; v., per un primo commento, D. Giraldin, in questa Rivista), un altro giudice irlandese – la High Court – ha deciso di rinviare a Lussemburgo un’ulteriore (ed altrettanto stimolante) question [...]

continua a leggere »

Mandato d’arresto europeo e Brexit: la parola ai giudici di Lussemburgo

1. Approda alla Corte di giustizia un nuovo rinvio pregiudiziale in tema di mandato di arresto europeo che trae le proprie origini nel sisma normativo, politico e culturale prodotto dalla scelta, compiuta dal popolo britannico nel referendum del 23 giugno 2016, di porre fine all’appartenenza del Regno Unito all’Unione europea, secondo quanto previsto dall’art. 50 TUE. Il nocciolo duro di que [...]

continua a leggere »

Verso un effettivo diritto al patrocinio a spese dello Stato?

 1. Introduzione Il 26 ottobre 2016 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la direttiva (UE) 2016/1919 del Parlamento europeo e del Consiglio sull’ammissione al patrocinio a spese dello Stato per indagati e imputati nell’ambito di procedimenti penali e per le persone ricercate nell’ambito di procedimenti di esecuzione del mandato di arresto europeo, entrata in v [...]

continua a leggere »

Interventi minimi in materia di diritto di accesso al difensore: la recente trasposizione della direttiva 2013/48/UE

1. Nel rispetto del termine fissato dalla stessa direttiva (27 novembre 2016: cfr. art. 15), il Governo ha varato il d.lgs. 15 settembre 2016, n. 184, di attuazione della direttiva 2013/48/UE, relativa al diritto di avvalersi di un difensore nel procedimento penale e di esecuzione di un mandato d’arresto europeo, nonché’ al diritto di informare un terzo e le autorità consolari in caso di pri [...]

continua a leggere »

Una nuova pronuncia della Corte di giustizia sul MAE con procedimento pregiudiziale d’urgenza

Con la sentenza di oggi, 16 luglio 2015, nella causa C-237/15 PPU, Lanigan, la Corte di giustizia è tornata a pronunciarsi – su rinvio della High Court of Ireland – sull'interpretazione della decisione quadro 2002/584/GAI sul mandato d'arresto europeo (MAE) e le procedure di consegna tra Stati membri, facendo applicazione del procedimento pregiudiziale d'urgenza (PPU) di cui agli artt. 107-11 [...]

continua a leggere »

La trasposizione della direttiva 2012/13/UE sul diritto all’informazione nei procedimenti penali

Il d. lgs. 1 luglio 2014, n. 101, che entrerà in vigore il prossimo 16 agosto, dà attuazione (con lievissimo ritardo rispetto al termine previsto per la sua trasposizione, il 2 giugno 2014) alla direttiva 2012/13/UE sul diritto all'informazione nei procedimenti penali, che appronta tre tipi di garanzie che gli Stati membri devono assicurare, nei loro sistemi processuali nazionali, a protezione d [...]

continua a leggere »