Eurojus.it

Le conclusioni dell’Avvocato Generale Sharpston sulle Relocation Decisions: la condanna dei Paesi convenuti per preservare lo Stato di diritto e il principio di solidarietà

1.  Nel dicembre 2017, la Commissione Europea ha avviato una procedura d’infrazione nei confronti di tre Stati Membri, Polonia (Causa C-715/17), Ungheria (Causa C-718/17) e Repubblica Ceca (Causa C-719/17), per il mancato rispetto delle obbligazioni loro derivanti da alcune disposizioni contenute nelle Decisioni 2015/1523 e 2015/1601. Tali decisioni erano state adottate dal Consiglio il 14 e [...]

continua a leggere »

A vent’anni dal Programma di Tampere quali prospettive per le politiche di immigrazione e asilo dell’Unione europea?

Testo riveduto della relazione tenuta il 15 novembre 2019 nell’ambito del ciclo di seminari “Le nuove sfide dell’Unione europea” promossi dal Centro di documentazione europea del Verbano Cusio Ossola insieme all’Ordine dei giornalisti del Piemonte orientale. Sommario: 1. Premessa. – 2. Le competenze “comunitarie” e il Trattato di Lisbona. – 3. La crisi migratoria. Le difficolt [...]

continua a leggere »

Le conclusioni dell’Avvocato Generale sul caso Haqbin C-233/18: la revoca delle condizioni materiali di accoglienza del minore straniero non accompagnato è una sanzione legittima o una violazione irragionevole dei diritti del minore?

Prendendo le mosse dalla presentazione delle conclusioni dell’Avvocato generale Manuel Campos Sànchez-Bordona dinanzi alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 6 giugno 2019, relative alla causa Zubair Haqbin contro Federal Agentschap voor de opvang van asielzoekers, questo contributo si propone di analizzare in che modo possa essere legittimamente applicato l’articolo 20, paragrafo 4 [...]

continua a leggere »

Da cittadini UE a stranieri: la soluzione italiana per garantire la conservazione del diritto di soggiorno dei cittadini del Regno Unito in caso di recesso senza accordo

L’articolo analizza le disposizioni contenute nel D.-L. 2019 n. 22, convertito in legge con modificazioni con L. 2019 n. 41, che saranno applicabili ai cittadini del Regno Unito, nell’ipotesi in cui alla data del recesso l’accordo di recesso non sia entrato in vigore. Al pari degli altri Stati membri, l’Italia vuole garantire a queste persone la sicurezza della residenza. L’art. 14 ha pe [...]

continua a leggere »

Il ruolo della protezione umanitaria nel panorama normativo europeo e le possibili implicazioni della sua abolizione

L’approvazione e la conversione in legge del Decreto n. 113 del 4 ottobre 2018, recante, tra le altre, disposizioni in materia di protezione internazionale e immigrazione, ha comportato l’introduzione di rilevanti modifiche alla normativa in materia, sollevando, tuttavia, numerosi dubbi di costituzionalità. Continua a leggere   [...]

continua a leggere »

La sentenza del Tribunal Supremo di Spagna del 9 luglio 2018 sui meccanismi di ricollocazione di migranti del 2015: note a prima lettura

I. Introduzione Il 2015 rimarrà scolpito nella memoria collettiva come il momento più drammatico e di più difficile gestione nella crisi dei migranti. Se, nel 2014, Frontex aveva registrato 280.000 attraversamenti illegali delle frontiere, sottolineando come il dato fosse più che raddoppiato rispetto alla rilevazione precedente, risalente al 2011 (si veda la Relazione generale 2014 e, quanto [...]

continua a leggere »

Le conseguenze di passati episodi di tortura imputabili al paese d’origine: “semplice” inespellibilità o protezione sussidiaria?

Possono le conseguenze fisiche e psicologiche di passati episodi di tortura consentire il riconoscimento della protezione sussidiaria nel sistema comune europeo di asilo? Qual è, in tale caso, l’ambito di applicazione della direttiva qualifiche che introduce detta forma di protezione, rispetto al ricorso all’articolo 3 della Cedu? E con riguardo agli altri strumenti internazionali di contrast [...]

continua a leggere »

La solidarité n’est pas une valeur : la validation de la relocalisation temporaire des demandeurs d’asile par la Cour de justice (CJUE, 6 septembre 2017, Slovaquie et Hongrie c. Conseil, C-643/15 et C-647/15)*

La rentrée judiciaire de l’automne 2017 était attendue impatiemment et le prononcé de l’arrêt Slovaquie et Hongrie contre Conseil, le 6 septembre, s’inscrivait en première ligne de cette attente. Le contexte en est connu, celui du refus des pays du groupe de Visegrad de se plier au programme de relocalisation des réfugiés initié au plus fort de la crise migratoire par l’Union. Deux [...]

continua a leggere »

Tutela e accoglienza dei minori stranieri non accompagnati: le iniziative dell’Unione europea e la nuova normativa italiana

1.L’accoglienza e la protezione dei minori stranieri non accompagnati (di seguito “msna”) costituisce un tema di crescente interesse per l’Unione europea già da diversi anni. Nell’ultimo periodo esso ha assunto carattere di priorità, addirittura emergenziale, dato il significativo aumento del fenomeno. Nel contesto della crisi migratoria che ha caratterizzato gli anni più recenti, è [...]

continua a leggere »

From Turkey to Libya: The EU Migration Partnership from Bad to Worse

Introduction From January 2014 to end of 9 February 2017, 12,397 people are reported to have lost their lives at sea in the Mediterranean. At the informal Summit held at La Valletta on 3 February 2017, the European Council agreed a Declaration (Malta Declaration) concerning the external aspects of migration and the Central-Mediterranean route. It states that the EU primary goal is to train and eq [...]

continua a leggere »