Eurojus.it

Europa sociale e mercato interno: convergenza o contrasto?

1. Una contrapposizione “genetica” nella dichiarazione di Roma del 25 marzo 2017? Fra gli obiettivi che i 27 leader degli Stati membri e delle istituzioni dell’Unione si impegnano (non già, semplicemente, a realizzare ma) ad adoperarsi per realizzare figura, al punto 2 dedicato a «un’Europa prospera e sostenibile», un mercato unico «forte, connesso e in espansione», condizione necess [...]

continua a leggere »

Il rispetto dei diritti umani impone allo Stato membro l’obbligo di rilasciare un visto umanitario al richiedente asilo esposto a rischi per la propria vita e incolumità. – Le conclusioni dell’Avvocato Generale nella Causa X e X c. Belgio, C-638/16 PPU

Nelle Conclusioni presentate il 7 febbraio 2017 (Causa C-638/16 PPU, X e X c. Belgio) l’Avvocato Generale Mengozzi si è espresso in merito ad un’importante quanto delicata questione: l’individuazione di vie d’accesso legali all’Unione europea e l’obbligo per gli Stati membri di rispettare i diritti umani. Secondo la posizione dell’A.G. – fortemente osteggiata dalla Commissione e d [...]

continua a leggere »

La tutela dei diritti fondamentali nella giurisprudenza della Corte di giustizia

Pubblichiamo  la relazione tenuta dal prof. Nascimbene nell'ambito del Convegno in occasione dei primi 25 anni della Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, Diritto europeo e diritti amministrativo nazionale 25 anni dopo, in data 11.11.2016, avente ad oggetto la tutela dei diritti fondamentali nella giurisprudenza della Corte di giustizia:Relazione 11.11.2016 . [...]

continua a leggere »

La Corte di giustizia si pronuncia sulle misure adottate dalla Commissione per impedire l’introduzione e la diffusione nell’Unione della Xylella fastidiosa

1. Introduzione Con sentenza resa lo scorso 9 giugno, nelle cause riunite C-78/16 e C-79/16, Pesce e a. e Serinelli e a., la Corte di giustizia si è pronunciata, in sede di rinvio pregiudiziale, sulla validità delle misure previste dalla Commissione europea con la decisione di esecuzione (UE) 2015/789, del 18 maggio 2015, volte ad impedire l’introduzione e la diffusione nell’Unione del batt [...]

continua a leggere »

L’UE continua la ricerca dell’“equità” nei processi penali: introdotte regole comuni per il processo penale minorile

Il 21 maggio 2016 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la direttiva (UE) 2016/800 del Parlamento europeo e del Consiglio sulle garanzie procedurali per i minori indagati o imputati nei procedimenti penali, la quale entrerà in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione. I lavori sul testo della direttiva erano stati intrapresi nel mese di novembre 2013 [...]

continua a leggere »

The E-turas case: when concerted practices meet technology

1. Introduction On 21 January, the European Court of Justice (“ECJ” or the “Court”) ruled on the preliminary question referred by the Lietuvos vyriausiasis administracinis teismas (the Supreme Administrative Court of Lithuania, hereinafter the “Referring Court”), case C-74/14 UAB Eturas and Others v Lietuvos Respublikos konkurencijos taryba (hereinafter, the “Decision”). The Deci [...]

continua a leggere »

The appeal judgement in Deutsche Bahn AG (C-583/13P): some reflections on the standard of the protection of the rights of defense in antitrust proceedings

Between March and July 2011, the European Commission issued three decisions pursuant to Art. 20(4) of Regulation 1/2003 in order to have access to the premises of Deutsche Bahn AG and of all its subsidiaries in the context of proceedings for violation of Art. 102 TFEU and Art. 54 EEA in the rail transportation sector. The agents found no opposition, nor resistance, and lawyers were always present. [...]

continua a leggere »

La “discrezionalità” delle misure di esecuzione ex art 263, par. 4 TFUE divide la Corte e l’Avvocato generale nel caso T & L Sugars e Sidul Acucares

Con sentenza del 28 aprile scorso resa nella causa C-456/13 P, la Corte di giustizia, in Grande Sezione, si è pronunciata, ancora una volta, sull'interpretazione della nuova formulazione dell'art. 263, par. 4, TFUE introdotta dal Trattato di Lisbona e, conseguentemente, sulla  duplice condizione che subordina la legittimazione ad agire delle persone fisiche e giuridiche contro «gli atti regolam [...]

continua a leggere »

Riflessioni sulla sentenza della Corte di giustizia in tema di discriminazione fondata sull’obesità. Valori e “paradossi” del diritto antidiscriminatorio dell’Unione europea

1. Il caso di specie: l’obesità come forma di handicap ai sensi della direttiva 2000/78 Con sentenza del 18 dicembre 2014 (causa C-354/13, Fag og Arbejde (FOA)), la Corte di giustizia ha avuto l’occasione di tornare a pronunciarsi sulle condizioni ed i limiti di operatività della direttiva 2000/78/CE in relazione alla controversia sorta tra un cittadino danese, il signor Kasten Kaltoft, da [...]

continua a leggere »

Derogabilità del principio del ne bis in idem sancito dall’art. 50 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione?

Approda finalmente alla Corte di giustizia la questione pregiudiziale relativa alla “compatibilità” delle riserve al principio del ne bis in idem di cui all’art. 55 della convenzione di applicazione dell'accordo di Schengen (CAAS, integrata, come noto, nell’Unione ad opera del trattato di Amsterdam, e dunque, oggi, diritto derivato dell’Unione) con la previsione che lo sancisce, in term [...]

continua a leggere »