Eurojus.it

La salvaguardia dei diritti di soggiorno dei cittadini dell’Unione nei negoziati per la Brexit

1. L’impatto del recesso sulla cittadinanza dell’Unione. Il recesso del Regno Unito dall’Unione europea avrà un sicuro impatto sulla libera circolazione delle persone, sotto diversi profili. Sul piano dello sviluppo del diritto dell’Unione, infatti, non bisogna dimenticare che numerose pronunce della Corte di giustizia che costituiscono capisaldi della materia sono state rese su rinvio p [...]

continua a leggere »

Il Consiglio adotta la decisione che autorizza l’avvio dei negoziati per la Brexit e le direttive di negoziato

Il Consiglio dell’Unione europea, riunito nella formazione Affari Generali, ha adottato oggi la decisione di autorizzazione all’apertura dei negoziati con il Regno Unito, ai sensi dell’art. 50 TUE, nominando la Commissione quale negoziatore. Il Consiglio ha, quindi, approvato le direttive per la negoziazione, con la precisazione saranno possibili successive modifiche o integrazioni delle ste [...]

continua a leggere »

Iniziative secessioniste, Stato costituzionale di diritto e accesso-recesso dall’Unione europea*

1. Verso un “nuovo” referendum d’indipendenza in Scozia? Lo scorso 28 marzo 2017, il Parlamento di Edimburgo, su proposta del Primo Ministro scozzese Nicola Sturgeon, ha approvato la mozione n° S5M-04710 nella quale, affermatosi il diritto sovrano del popolo scozzese a determinare la forma di governo più adatta al soddisfacimento dei suoi interessi, il Governo è stato abilitato ad avvia [...]

continua a leggere »

Raccomandazione di Decisione del Consiglio che autorizza la Commissione ad avviare negoziati con il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord per concludere un accordo volto a definire le modalità del suo recesso dall’Unione europea

Pubblichiamo nel seguito la Raccomandazione di Decisione del Consiglio che autorizza la Commissione ad avviare negoziati con il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord per concludere un accordo volto a definire le modalità del suo recesso dall'Unione europea, con il relativo allegato, pubblicata dalla Commissione il 3 maggio 2017. Il Consiglio dovrà adottare detta decisione nel prossimo [...]

continua a leggere »

La BEI, la Brexit e l’Italia*

Le seguenti considerazioni intendono riassumere due aspetti della “Brexit” che interessano in modo particolare l’Italia, tenuto conto che l’uscita del Regno Unito dalla BEI non rappresenterà un aspetto secondario della negoziazione che le Parti contraenti avvieranno per giungere ad un equo accordo di recesso. Occorre in primo luogo richiamare l’attenzione sul fatto che gli effetti dell [...]

continua a leggere »

Orientamenti adottati dal Consiglio europeo a seguito della notifica del Regno Unito a norma dell’art. 50 TUE

Si pubblicano gli orientamenti adottati dal Consiglio europeo nella riunione straordinaria del 29 aprile 2017 a seguito della notifica del Regno Unito a norma dell'articolo 50 del TUE. [...]

continua a leggere »

La Brexit e il diritto antitrust

Il countdown della Brexit è ufficialmente iniziato e, come era facilmente prevedibile, una ridda di domande sulle conseguenze del distacco di Londra dall’Unione europea ha iniziato a fare il giro del mondo. Cosa succederà alla sterlina? Cosa succederà agli italiani che vivono e lavorano oltre la Manica? Cosa succederà ai calciatori del Regno Unito che attualmente militano nelle varie squadre [...]

continua a leggere »

Brexit: il Parlamento e il Consiglio europeo verso i negoziati

In data 5 aprile 2017, il Parlamento europeo ha adottato a larga maggioranza (con 516 voti favorevoli e 133 voti contrari) la Risoluzione del Parlamento europeo sui negoziati con il Regno Unito a seguito della notifica della sua intenzione di recedere dall'Unione europea (2017/2593(RSP)) . La Risoluzione in esame rappresenta la posizione del Parlamento europeo per gli orientamenti che verranno [...]

continua a leggere »

Brexit: il “limbo legale” e il futuro incerto dei cittadini dell’Unione europea

  Il Regno Unito, in data 29 marzo 2017, ha notificato al Consiglio europeo la propria intenzione di recedere dall’Unione europea, dopo 44 anni dalla sua adesione. Così, per la prima volta, è stato dato avvio ai negoziati ex art. 50 TUE, rispettando la scadenza che il governo si era prefissato, nonostante in linea di principio non sussistesse alcun termine obbligatorio entro il quale avv [...]

continua a leggere »

Il paradosso della Brexit: il Regno Unito è al contempo dentro e fuori l’Unione europea

1. Il problema del referendum sulla c.d. Brexit dalla prospettiva dell’Unione europea: in attesa della notifica da parte del Regno Unito. A seguito del referendum dello scorso 23 giugno, con il quale è stato chiesto al popolo britannico se volesse, o meno, che il Regno Unito restasse all’interno dell’Unione europea (di seguito, il Referendum), si è verificata una peculiarissima situazione [...]

continua a leggere »