Eurojus.it

Dall’Europa: la giustizia per le gare d’appalto è solo per chi ha una capacità economica e finanziaria adeguata

Dall’Europa: la giustizia per le gare d’appalto è solo per chi ha una capacità economica e finanziaria adeguata. Risulta essere questo il punto chiave della sentenza della Corte di giustizia sul contributo unificato pubblicata ieri sul sito della Corte (causa C-61/14 del 6 ottobre 2015, per una più esaustiva ricostruzione dei fatti di causa e delle conclusioni dell’avvocato generale, si [...]

continua a leggere »

“In Inghilterra la giustizia è aperta a tutti, come l’Hotel Ritz”. E in Italia?

1. L’avvocato generale Nilo Jääskinen ha presentato, in data 7 maggio 2015, le conclusioni nella causa C-61/14, ove è stata sottoposta alla Corte di giustizia la questione della compatibilità, con il principio dell’equo processo, dell’obbligatorietà del versamento del contributo unificato per l’instaurazione del giudizio amministrativo in Italia (le conclusioni si aprono con la frase, [...]

continua a leggere »

Affidamento “in house” e associazioni di pubblica utilità senza scopo di lucro.

Con la sentenza 19 giugno 2014, causa C-574/12, la Corte estende i principi della sentenza Stand Halle e RPL Lochau (causa C-26/03, 11 gennaio 2005), anche ai casi in cui nell'ente aggiudicatore vi siano imprese private non aventi scopo di lucro. Questo è quanto è stato statuito nella pronuncia sul rinvio pregiudiziale proposto dal Supremo Tribunal Administrativo del Portogallo, adito dal cen [...]

continua a leggere »

Termini per ricorrere tra principio della certezza del diritto e principio dell’effettività della tutela giurisdizionale negli appalti pubblici

Il principio della certezza del diritto non osta a che il termine per la proposizione di un ricorso di annullamento, contro la decisione di aggiudicazione di un appalto, debba decorrere nuovamente nel momento in cui sia intervenuta una successiva decisione dell'amministrazione aggiudicatrice, adottata dopo l’aggiudicazione, ma prima della firma del contratto e che incida sulla legittimità di de [...]

continua a leggere »

Giudicato e diritto dell’Unione europea: un nuovo chiarimento dalla Corte di giustizia

Con la sentenza 10 luglio 2014 – resa su domanda di pronuncia pregiudiziale ex art. 267 TFUE formulata dal Consiglio di Stato italiano (causa C-213/13, Pizzarotti) –, la Corte di giustizia è tornata a pronunciarsi in tema di rapporti tra giudicato nazionale e ordinamento dell’Unione europea. Più precisamente, il giudice di Lussemburgo è stato chiamato a chiarire se il giudice nazion [...]

continua a leggere »

Le SOA (società organismi di attestazione) esercitano pubblici poteri? La pronuncia della Corte di giustizia su rinvio del Consiglio di Stato

Il 12 dicembre scorso la Corte di giustizia si è pronunciata sul tema già noto dei minimi tariffari obbligatori in relazione alla tutela della concorrenza e alla libertà di stabilimento (causa C-327/12, Ministero dello Sviluppo economico e Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture contro SOA Nazionale Costruttori). Nel caso in questione, la disciplina naz [...]

continua a leggere »