La nozione di tribunale costituito per legge nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte di giustizia dell’Unione europea: considerazioni alla luce di alcune recenti sentenze


Nel corso del tempo e, soprattutto, in anni recenti, sia la Corte di giustizia dell’Unione europea, sia la Corte europea dei diritti dell’uomo hanno avuto modo di occuparsi di questioni connesse all’indipendenza e all’imparzialità del potere giudiziario. Invece, la costituzione per legge, intesa quale diritto fondamentale e requisito degli organi giudiziari riconosciuto sia dall’articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali, sia dall’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti del’uomo, non ha suscitato il medesimo interesse. Il presente contributo affronta tale tematica partendo da alcune riforme, realizzate rispettivamente in Islanda e a Malta, che hanno portato a delle pronunce in materia da parte di entrambe le Corti. Lo scopo è cercare di chiarire la nozione in parola sia sul piano soggettivo (quale diritto), sia sul piano oggettivo (quale requisito dell’organo giudicante), evidenziando similitudini e differenze nella giurisprudenza delle due Corti.
Per leggere l’articolo completo, clicca Qui
Over the course of time and, above all, in recent years, both the Court of Justice of the European Union and the European Court of Human Rights have addressed issues related to the independence and impartiality of the judiciary. In contrast, the establishment by law, as a fundamental right and as a requirement judging bodies should comply with under Article 47 of the Charter of Fundamental Rights of the EU and Article 6 of the European Convention on Human Rights, has not aroused the same interest. This article tackles that topic, taking into account reforms that have been passed in Iceland and Malta, which have led to rulings on the matter by both courts. The aim is to try to clarify the notion in question both on a subjective level (thus, as a fundamental right) and on an objective level (thus, as a requirement), highlighting similarities and differences in the case law of the two Courts.
To read the full article, click Here
image_pdfimage_print

facebooktwittergoogle_plusmailfacebooktwittergoogle_plusmail