La (discutibile) reviviscenza delle Convenzioni di Bruxelles e Roma nei rapporti con il Regno Unito in seguito alla Brexit


E’ possibile applicare le Convenzioni di Bruxelles e Roma nei confronti del Regno Unito, una volta che quest’ultimo sarà uscito dall’Unione europea? Nel perdurante stallo dei negoziati, l’articolo affronta questo interrogativo, che incrocia questioni di diritto internazionale pubblico, privato e dell’Unione europea. Alla domanda (per alcuni versi puramente speculativa, per altri non priva di implicazioni pratiche) viene data risposta negativa, argomentando come l’avvenuto recesso ben potrebbe costituire un mutamento fondamentale di circostanze capace di far estinguere le fonti pattizie nei confronti del Regno Unito. L’articolo sviluppa e analizza i vivaci dibattiti registratisi sul punto, dedicando una particolare attenzione a un aspetto rimasto meno esplorato ma parimenti importante, se non decisivo, per definire la sorte dei testi pattizi: il ruolo della Corte di giustizia nell’interpretare ed applicare i medesimi e l’(im)possibilità di prendervi parte in qualità di Stato terzo.

Per il testo completo, clicca qui.

Would the Brussels and Rome Convention revive in the UK after Brexit? In the stalemate of negotiations, the article tackles this issue, which lies at the crossroads between public international law, private international law and EU law and which matches both theoretical and practical implications. A negative answer is given, discussing the several theories proposed in legal literature and arguing that the UK withdrawal will bring a fundamental change in circumstances able to terminate the two treaties with regard to the UK. In particular, the article aims at shedding some light on the role of the European Court of Justice in interpreting and implementing both Conventions and on the (im)possibility to participate in this system of centralized judicial review as a third State: this point, which has remained so far largely underexplorated, seems indeed quite crucial in tackling the issue to which this study has been dedicated.

To read the full article, click here.

image_pdfimage_print

facebooktwittergoogle_plusmailfacebooktwittergoogle_plusmail