Il rispetto della rule of law e lo strumento finanziario. La “condizionalità”


Si è tenuto, il 20-21 settembre 2021, nell’Università degli Studi di Milano, un convegno su Valori dell’ordinamento vs. esigenze dell’emergenza in una prospettiva multidisciplinare. Il convegno, organizzato dal Centro di Ricerca Coordinato “Studi sulla Giustizia” che riunisce i contributi dei Dipartimenti di Diritto Privato e Storia del Diritto, Diritto Pubblico Italiano e Sovranazionale e Scienze Giuridiche “Cesare Beccaria” dell’Università , ha visto la partecipazione di relatori di varie materie, i quali hanno ragionato e discusso, da diverse angolazioni e con differenti chiavi di lettura, intorno agli effetti che le crisi, quale quella determinata dalla pandemia di Covid-19, e i regimi emergenziali adottati per farvi fronte, hanno sui valori dell’ordinamento considerato.

Per il Diritto dell’Unione europea hanno partecipato al convegno i professori Bruno Nascimbene e Francesco Rossi Dal Pozzo. Viene pubblicata la relazione del primo, dal titolo Il rispetto della rule of law e lo strumento finanziario. La “condizionalità”. La relazione del secondo, dal titolo Aiuti di Stato e stato di emergenza tra solidarietà e condizionalità. Quale eredità per il futuro della disciplina?, sarà pubblicata prossimamente.

Nel contributo qui pubblicato vengono analizzati i vari strumenti dell’Unione europea per garantire lo Stato di diritto. Particolare attenzione è rivolta al “meccanismo europeo per lo Stato di diritto” e al “meccanismo di condizionalità del bilancio” previsto dal regolamento 2020/2092, di cui sono esaminati i problemi di applicazione. Il contributo si conclude con un’analisi delle azioni intraprese dalle istituzioni dell’Unione europea contro la Polonia e l’Ungheria e ai più recenti sviluppi.

 

Per leggere la relazione dal titolo Il rispetto della rule of law e lo strumento finanziario. La “condizionalità”, clicca Qui

image_pdfimage_print

facebooktwittergoogle_plusmailfacebooktwittergoogle_plusmail