Eurojus.it

La nozione eurounitaria di “orario di lavoro”: premesse alla regolazione delle prestazioni a distanza

Come noto, una delle “vie” percorse dal diritto eurounitario per tutelare la salute e sicurezza dei lavoratori è quella di fissare prescrizioni e limiti all’orario di lavoro, consentendo a questi di beneficiare di periodi “minimi” di riposo. Tuttavia, la nozione di “orario di lavoro” contenuta nella direttiva 93/104/CE (oggi, 2003/88/CE) appare, almeno alla lettera, decisamente rest [...]

continua a leggere »

Il suffragio attivo e passivo alle elezioni comunali dei cittadini dell’Unione europea residenti in uno Stato membro diverso da quello di origine: ricostruzione della disciplina vigente e proposte di modifica

Il lavoro tratta la tematica del diritto di voto alle elezioni comunali riconosciuto ai cittadini dell’Unione europea che risiedano in uno Stato membro diverso da quello di origine. Un particolare riguardo è dedicato alla situazione italiana, con proposte di modifica volte ad accrescere la partecipazione al voto.  Per leggere l'intero articolo, clicca qui The work deals with the issue o [...]

continua a leggere »

Verso un recesso de facto della Polonia dall’Unione europea?

La sentenza del Tribunale costituzionale polacco del 7 ottobre 2021, stabilendo una incompatibilità generale e di principio dei trattati europei con la Costituzione polacca,  rappresenta non solo una escalation nella controversia tra Unione europea e Polonia sulla questione del rispetto dello Stato di diritto, ma anche un passo formale della Polonia verso il suo abbandono dell’Unione. Il re [...]

continua a leggere »

Il c.d. “caso Sharpston” e il difficile bilanciamento tra indipendenza del giudice e membership dell’Unione europea

Abstract (ITA) I ricorsi che hanno riguardato l’ormai ex avvocato generale Eleanor Sharpston hanno rappresentato, nell'ultimo anno e mezzo, uno degli snodi più importanti per la vita istituzionale dell’Unione europea. La cessazione anticipata del mandato dell’ultimo membro britannico della Corte di giustizia, sancita attraverso l’intervento dei rappresentanti degli Stati membri all'indom [...]

continua a leggere »

L’Unione europea e la better regulation: spunti di riflessione e prospettive future

Obiettivo del presente contributo è quello di offrire spunti di riflessione sulle novità, ma anche sugli elementi di criticità, che presenta il processo di graduale miglioramento della better regulation. Dopo aver verificato in quale misura possano essere individuate, all’interno dei Trattati istitutivi, basi giuridiche in grado di giustificare l’impegno delle istituzioni dell’Unione per [...]

continua a leggere »

La contestazione giurisdizionale della perdita della cittadinanza dell’Unione a seguito della Brexit: profili processuali

Abstract Nel lasso di tempo intercorso tra la notifica dell’intenzione di recedere e l’entrata in vigore dell’Accordo di recesso UE-Regno Unito, è sorto, sia dinanzi alle giurisdizioni nazionali che a quelle sovranazionali, un nutrito contenzioso avente ad oggetto la contestazione degli effetti del recesso del Regno Unito sulla situazione dei cittadini britannici residenti in uno Stato mem [...]

continua a leggere »

Quanto è profonda l’integrazione nell’ambito del mercato interno? La portata della libera circolazione dei servizi alla luce della sentenza Bonver Win

Il presente contributo prende le mosse dalla sentenza della Corte di giustizia nella causa Bonver Win, relativa alla fruizione di giochi d’azzardo in Repubblica Ceca da parte di clienti provenienti da altri Stati membri, per analizzare l’intensità dell’integrazione negativa realizzata nell’ambito del mercato interno, dalle origini della CEE fino ai giorni nostri. In particolare, sarà esa [...]

continua a leggere »

L’attuazione del PNRR italiano: spunti di riflessione sull’architettura euro-nazionale in materia (anche se per riflettere c’è ben poco tempo ormai)

Da pochi giorni Commissione europea e poi Consiglio ECOFIN dell’UE hanno approvato il PNRR italiano, che è così entrato nella sua fase attuativa: fino al 2026 e oltre (per i contenuti del Piano non limitati all’iniziativa Next Generation EU). L’Italia si sta attrezzando per mettere in campo quasi sessanta riforme normative, affidando a soggetti attuatori circa duecento progetti finanziat [...]

continua a leggere »

Indipendenza del pubblico ministero e cooperazione internazionale in materia penale nello scenario giuridico europeo

Nel dibattito giuridico europeo si osserva la crescente attenzione dedicata al pubblico ministero nell’ambito dei procedimenti penali transnazionali come testimoniano le pronunce emesse tra il 2019 ed il 2020 dalla Corte di Lussemburgo, intervenuta per chiarire se alcune Procure europee offrano garanzie di indipendenza dal potere esecutivo sufficienti per poter emettere o eseguire un mandato d [...]

continua a leggere »

La nozione di tribunale costituito per legge nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte di giustizia dell’Unione europea: considerazioni alla luce di alcune recenti sentenze

Nel corso del tempo e, soprattutto, in anni recenti, sia la Corte di giustizia dell'Unione europea, sia la Corte europea dei diritti dell'uomo hanno avuto modo di occuparsi di questioni connesse all'indipendenza e all'imparzialità del potere giudiziario. Invece, la costituzione per legge, intesa quale diritto fondamentale e requisito degli organi giudiziari riconosciuto sia dall'articolo 47 della [...]

continua a leggere »